Infanzia.com il portale per infanzia dedicato a genitori ed educatori




Warning: mysql_connect() [function.mysql-connect]: Access denied for user 'Sql43099'@'62.149.141.11' (using password: YES) in /web/htdocs/www.infanzia.com/home/divertiamoci/include/con_db.php on line 8

Warning: mysql_select_db() [function.mysql-select-db]: Can't connect to local MySQL server through socket '/tmp/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.infanzia.com/home/divertiamoci/include/con_db.php on line 10

Warning: mysql_select_db() [function.mysql-select-db]: A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.infanzia.com/home/divertiamoci/include/con_db.php on line 10

Warning: mysql_query() [function.mysql-query]: Can't connect to local MySQL server through socket '/tmp/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.infanzia.com/home/divertiamoci/left.php on line 19

Warning: mysql_query() [function.mysql-query]: A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.infanzia.com/home/divertiamoci/left.php on line 19

Warning: mysql_fetch_array(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /web/htdocs/www.infanzia.com/home/divertiamoci/left.php on line 20
Disegni

Divertiamoci insieme perchè...

Il gioco è indispensabile per lo sviluppo armonico del bambino. Il bambino che non gioca è privato di una parte importante della sua vita poiché il gioco è un metodo per mettersi "in gioco"; un modo per capire come si fa a diventare grandi.
L'abbondanza di giocattoli che il contesto economico e sociale di oggi mette a disposizione dei bambini è una caratteristica tipica della nostra epoca e della nostra cultura. La rarità dei giocattoli, situazione molto comune delle precedenti generazioni, sembra essere qualcosa di ormai lontano, definitivamente tramontato, relegato per sempre al passato.
Oggi i genitori hanno la possibilità di offrire ai bambini molti giocattoli, e questi, naturalmente, usufruiscono volentieri di questa abbondanza.
Ma la maggior parte dei giocattoli esistenti sono prodotti dagli adulti e sono generalmente destinati a rappresentare modelli culturali e concezioni educative tipiche dell'età adulta. In poche parole, il mondo degli adulti, dichiarandosi disponibile a favorire il gioco nell'infanzia, ne controlla le modalità di realizzazione e spesso, ne condiziona il significato, ghettizzando i bambini in rassicuranti recinti.
L'abbondanza di giocattoli che oggi è possibile mettere a disposizione dei bambini, porta paradossalmente ed inevitabilmente con sé lo spettro della solitudine e della insoddisfazione. Mai come oggi i bambini si sentono soli e questo fenomeno risulta ancora più acuto da quando i giocattoli navigano sicuri e dirompenti nel grande mercato dei media.
Abbandonati in solitudine davanti ad una televisore che propone continuamente giocattoli; una macchina generatrice di desideri, che spinge a pretendere di avere tutto e di averlo subito.
Ma come salvare i nostri piccoli da questa trappola?
Il gioco tradizionale è portatore di un indubbio valore pedagogico; guardare e capire, provare e riprovare, smontare e rimontare, cooperare ed opporsi, allearsi e dissociarsi. Tutte azioni che consentono ai bambini di accostarsi alla realtà in maniera positiva e consapevole.
Il gioco della tradizione, può aiutare i bambini a sfuggire alla trappola della solitudine e dell'insoddisfazione e soprattutto di non cadere nella rete che tende a globalizzare il significato del gioco e del divertimento.
La recita di una filastrocca, l'ascolto di una favola o di un saggio proverbio, una semplice canzoncina cantata con mamma e papà, possono riempire d'amore il cuore di un bambino scongiurando le emozioni negative della solitudine e dell'isoddisfazione.
Ricche di saggezza antica, le filastrocche portano con sé le memorie di gesti e affetti che si sono ripetuti nel tempo. Facilitano l'interazione del bambino con l'adulto e con la realtà, diventano, pertanto, importanti mezzi di comunicazione, di contatto, di espressione e di affetto.
Le filastrocche sono proprio come Rodari amava definirle, dei veri giocattoli, che adempiono a tutte le funzioni di un buon giocattolo, non solo quelle affettive e cognitive, ma anche quelle di divertire, di far ridere.
E allora perché non giocare con le parole? Le parole danno un significato a tutto, dunque giocare con esse, manipolarle, spostarle o metterle in fila, dando loro un ritmo, come fossero i vagoni di un trenino, costituisce un passaggio fondamentale che porterà il bambino dal mondo degli oggetti a quello dei concetti.
Le fiabe creano e risolvono situazioni di paura, di inadeguatezza, di solitudine, di mancanza di autostima, sconfiggono angosce e fanno svanire conflitti e fantasmi; le fiabe trovano soluzioni miracolose per ogni sofferenza.
Ascoltare o intonare una canzoncina è molto importante, poiché la musica e il canto sono strumenti efficaci per l'acquisizione di una condizione di benessere e per riacquistare il giusto equilibrio fisico e mentale; sono in grado di guarire i mali del corpo, della mente e dell'anima. La musica ed il canto:
Aumentano l'abilità motoria: i bambini migliorano la coordinazione dei movimenti e diventano più sicuri nell'uso del proprio corpo.
Accrescono le abilità cognitive: i bambini migliorano le capacità di distinguere esperienze diverse. Migliorano la concentrazione e la memoria: i bambini potenziano la capacità di prestare attenzione alle cose che li circondano ed a quello che avviene, imparando a memorizzare bene il ripetersi dei suoni.
Perfezionano le abilità linguistiche: l'ascolto di suoni e musica coinvolge tutto il cervello, stimolando così anche l'area del linguaggio.
Aumentano la capacità di relazione: i bambini diventano sempre più sicuri di sé e delle proprie possibilità di comunicazione con il mondo circostante; questa consapevolezza favorisce il miglioramento dei rapporti con gli altri bambini e con gli adulti.
Migliorano le capacità immaginative: i bambini sono naturalmente stimolati ad esprimersi, aprendo così le porte della propria fantasia e della propria creatività.


Realised by SiteService